www.settebagni.forumattivo.com

www.settebagni.forumattivo.com

NOTIZIE, AVVENIMENTI, SPORT, INFORMAZIONI, CURIOSITA' E PROBLEMATICHE VARIE CHE RIGUARDANO IL NOSTRO AMATO QUARTIERE: SETTEBAGNI !
 
IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Accedi  
Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Ultimi argomenti
» Indirizzi e numeri utili del IV Municipio
Mar 22 Nov 2016 - 13:17 Da manucca

» La piazzetta di Settebagni
Sab 26 Mar 2016 - 9:20 Da manucca

» Viabilità e problematiche varie di Settebagni
Mar 2 Feb 2016 - 17:32 Da fausto69

» Feste, Cerimonie, Ricorrenze ed Avvenimenti Vari
Ven 18 Set 2015 - 20:27 Da Admin

» Le News di Settebagni
Ven 3 Lug 2015 - 18:57 Da Admin

» Giardini e Parchi pubblici di Settebagni
Ven 22 Mag 2015 - 7:52 Da fausto69

» SIETE FAVOREVOLI ALL'UNIONE E FORMARE UN UNICO COMITATO?
Lun 18 Mag 2015 - 9:35 Da Admin

Cerca
 
 

Risultati secondo:
 
Rechercher Ricerca avanzata
Luglio 2017
LunMarMerGioVenSabDom
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      
CalendarioCalendario

Condividere | 
 

 Un po' di storia e curiosità su Settebagni...

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
Admin
Admin
Admin
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 1517
Età : 98
Localizzazione : Terra, Europa, Italia, Roma, SETTEBAGNI
Occupazione/Ozio : ADMIN
Data d'iscrizione : 10.12.07

MessaggioTitolo: Un po' di storia e curiosità su Settebagni...   Mer 23 Gen 2008 - 15:30

Il Tevere nei pressi di Settebagni con la cupola di S.Pietro sullo sfondo.



acquarello tratto da : http://www.romeguide.it/foto/ROMASPARITA/romasparita.htm#2

Fonte: http://www.ettoreroeslerfranz.com/

Settebagni (Septem Balnea) è il nome della zona urbanistica 4m del IV Municipio del comune di Roma.
Si estende sulla zona Z.III Marcigliana.

Popolazione: circa 5000abitanti.
La zona prende il nome dalla omonima località sulla via Salaria.

Storia
Nata come zona agricola, oggi ampiamente urbanizzata, si sviluppa su una collina dove, recentemente (2002) sono stati effettuati rilevanti ritrovamenti archeologici (tombe ed altro) tuttora in corso di osservazione.

Edifici di culto

Sant'Antonio di Padova a via Salaria, in via Sant'Antonio di Padova. Eretta il 19 marzo 1938 con il decreto del Cardinale Vicario Francesco Marchetti Selvaggiani "Universo gregi". Il territorio è stato desunto da quello della parrocchia di Sant'Alessandro

_________________


Ultima modifica di Admin il Mer 3 Dic 2014 - 7:57, modificato 9 volte
Tornare in alto Andare in basso
http://settebagni.forumattivo.com
fausto69

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 2488
Età : 48
Localizzazione : Settebagni, Roma
Occupazione/Ozio : Sicurezza
Umore : Sono FAUSTO!!!
Data d'iscrizione : 10.12.07

MessaggioTitolo: Re: Un po' di storia e curiosità su Settebagni...   Mar 25 Mar 2008 - 17:00

TRATTO DA: http://www.iterconficere.it/iterconficere/didattica/salaria/salartxt.htm

Subito dopo il Raccordo Anulare troviamo la [torre di Redicicoli] e l'altura di Settebagni (Septem balnea) dove, probabilmente, esisteva una antica villa romana. Lungo la collina di Settebagni sono state trovate numerose tombe. Superata questa zona una strada sulla destra ci porta verso la collina della Marcigliana Vecchia dove è stato localizzato l'antico insediamento latino di [Crustumerium] nella cui zona i Romani, in tempi più recenti, subirono la disfatta sul fiume Allia per opera dei Galli di Brenno (390 a.C.)
Tornare in alto Andare in basso
http://www.facebook.com/groups/settebagni/
fausto69

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 2488
Età : 48
Localizzazione : Settebagni, Roma
Occupazione/Ozio : Sicurezza
Umore : Sono FAUSTO!!!
Data d'iscrizione : 10.12.07

MessaggioTitolo: Re: Un po' di storia e curiosità su Settebagni...   Gio 8 Mag 2008 - 22:00

Romanimamundi ha scritto:
Settebagni
Il nome "Septea Balnea" già nel XIII sec. veniva dato a questa località per via delle sette aperture prodottesi nella volta di un cunicolo, oggi, per giunta non più rintracciabile. In epoca augustea su questa collina sorse una grandiosa villa, le cui maestose rovine fecero supporre agli studiosi di trovarsi davanti ai resti di una intera città. Alcuni avanzi sono ancora visibili per una lunghezza di circa 400 metri, nella zona che guarda la ferrovia.

Ciao a tutti
Angelo
www.romanimamundi.it

Grazie Angelo Camilli di www.romanimamundi.it per la cortese collaborazione!!!
con stima
Fausto


Ultima modifica di fausto69 il Gio 24 Set 2009 - 15:24, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
http://www.facebook.com/groups/settebagni/
fausto69

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 2488
Età : 48
Localizzazione : Settebagni, Roma
Occupazione/Ozio : Sicurezza
Umore : Sono FAUSTO!!!
Data d'iscrizione : 10.12.07

MessaggioTitolo: LE ORIGINI DELLA NOSTRA ZONA   Lun 2 Giu 2008 - 11:55

Leggendo il libricino dei festeggaimenti vedo che c'è anche un po' di storia di Settebagni...
Ho deciso di copiarlo e di trascriverlo... Spero che apprezzerete il mio sacrificio...
study


SETTEBAGNI (SEPTEM BALNEA)

Settebagni, la località situata al 14°Km della via Salaria, fa parte di quello che fino agli anni Tranta circa era chiamato agro romano o, se preferite, campagna romana.
Oggi la zona e radicalmente e profondamente mutata; da antico e laborioso centro di coloni, agricoltori e pastori, è divenuta una delle tante appendici ultraperiferiche della città con i suoi molti problemi che attendono di essere risolti: casa, strade, servizi pubblici e via dicendo.
Punto di riferimento è dal 1936, allorchè fu eretta canonicamente e materialmente, la chiesa parrocchiale intitolata a S.Antonio da Padova, che da allora è venerato come patrono della borgata. In suo onore, infatti, si svolgono ogni anno solenni celebrazioni e festose manifestazioni che coinvolgono tutti gli abitanti, offrendo loro l'occasione di confermare non solo la devozione verso il popolarissimo Santo, ma anche la propria fede cattolica.
* * *

Sebbene vanti origini antichissime, il singolare nome di Settebagni fu il pretesto, in un recente passato, per una battuta di spirito. Esclamavano dunque in leggero dialetto i vecchi romani d'una volta: "Se... te... bagni..., poi t'asciughi!", aggiungendo espressioni scherzose nei confronti sia della zona che dei residenti in essa, i quali venivano chiamati "sette...bagnini". Scherzi a parte, Settebagni, come s'è detto, era compresa nella campagna romana, la vasta distesa di verde che circondava la città "for de porta" e che indusse studiosi e ricercatori romani come Rodolfo Lanciani(1848-1929) e Giuseppe Tomassetti(1849-1911) ad illustrare non solo la viva suggestione che da essa emanava, ma anche le sue località, le sue ville ed i suoi monumenti. Plinio il vecchio, celebre scrittore latino vissuto nel I secolo dopo Cristo, affermò che "le case sparse nei dintorni di Roma sembrano aggiungerle molte città". Ed Elio Aristide, retore ed oratore della Misia in Asia Minore, vissuto nel II secolo, riferendosi a Roma scrisse che "in qualunque parte della città si fosse messo l'osservatore, avrebbe sempre creduto essere nel centro, tanta essendo la frequenza delle abitazioni per tutta la campagna, che sembrava la città comprendere tutto il rimanente Lazio fino al mare".
* * *

Questo quadro invero idilliaco fu presto sconvolto nei secoli successivi dalle invasioni barbariche e dalle lotte intestine provocate, specialmente nel medio-evo, dalla prepotenza di duchi e baroni, i "signorotti" dell'epoca, che guerreggiavano attorno ai castelli e ad altri fortificati per imporsi l'uno all'altro.
Ecco quanto su questa particolare situazione osservò l'archeologo e studioso di cose romane Francesco Sabatini(1852-1928), avo di chi scrive, nella "Enciclopedia popolare illustrata", da lui pubblicata in fascicoli settimanali nel lontano 1886: "Cessò ogni coltura, dopodichè i grandi proprietari, tanto ecclesiastici quanto laici, procurarono d'allora in poi di ricavare dalla terra il più che per loro potevasi colla pastrorizia per aumentare il prodotto delle terre senza consacrarvi alcun capitale, ne più curandosi di richiamare una parte di popolazione agricola su quelle campagne. In tal modo alle passate devastazioni si aggiunsero i danni del prolungato abbandono di ogni coltura e di ogni cura dei campi, e molti secoli scorsero senza che alcun tentativo venisse fatto per prosciugare i luoghi paludosi e dare un regolare corso alle acque che sempre più s'impaludavano per l'abbandono di ogni direzione e custodia...".
Dopo parecchio tempo, la campagna attorno a Roma riprese ad animarsi, ma con molta lentezza e tra numerose difficoltà. Vennero tuttavia giorni migliori in cui l'uomo volle e seppe tornare all'antico e nobile lavoro della terra. Si procedette anche alla bonifica di ampie zone e ogni cosa sembrava avviarsi verso un normale sviluppo.
A rovinare ed annullare tutti i traguardi raggiunti ed i buoni propositi, ci penso la guerra, specialmente quella del 1940-45, e soprattutto ci pensò il dopo-guerra con i suoi tanti problemi di sopravvivenza. Mano a mano (e questo fu un fenomeno che si estese un po' dovunque) il lavoro agricolo, già in parte trascurato, fu abbandonato del tutto e la già verde campagna romana cominciò in sua vece a popolarsi di costruzioni tirate sù alla meglio e poi perfezionate in seguito, fino a costruire in vari casi dei veri e propri agglomerati di case, una serie di quasi-quartieri alle porte della città.
Settebagni subì la stessa sorte e dovette giocoforza assoggetarsi ad una espansione esagerata, disordinata e, purtroppo, avvilita dalla mancanza dei servizi pubblici essenziali.
Una situazione, questa, che in parte dura nonostante la zona vada popolandosi sempre di più e senta quindi impellente la necessità di disporre dei mezzi che il processo ha messo e mette a disposizione dell'uomo per un vivere civile.
* * *

Il nome di "Settebagni" o, meglio, di "Septem Balnea" appare per la prima volta in un atto del 3 dicembre 1297 riguardante il casale e la tenuta della zona, a proposito dei confii di Castel Giubileo.
Altri documenti di poco posteriori e relativi alle proprietà appartenenti nella zona allo scomparso monastero dei SS. Ciriaco e Nicolò in via Lata (era situato nell'odierna piazza del Collegio Romano) citano i toponimi "ad septem bangos" e "ad septem vangora".
Un leggero cambiamento a quest'ultima denominazione si ebbe a partire dal 1427 quando il casale è ricordato con l'appellativo "Septem Vagnara" ed infine dal '500 in poi quello di " Septem Balneorum".
Il già ricordato Giuseppe Tomassetti affermò da parte sua che il nome Settebagni "deriva evidentemente da antiche rovine probabilmente di una piscina o conserva d'acqua". Riferì inoltre di aver venduto nel 1891, presso il 14°Km della ferrovia, un fabbricato o un fondamento di opera a sacco di antico edificio, addossato alla rupe.
E' detto in una nota esplicativa: "Di qui egli ascese la collina su cui la tenuta di Settebagni. In essa verso il casale moderno (nel qual non trovò che una base marmoreo di pilastro incastrata in un muro moderno), egli scorse una bellissima grotta o bagno sotterraneo, con lucernario quadrato. Quantunque fosse ingombra di terra, egli vi entrò e vi ammirò un arco a tutto sesto di opera quadrata in pietra fidenata e due grossi pilastri di buon laterizio con intonaco di stucco. All'esterno, la parte dell'edificio scampata alla distruzione misurava m.16 di lunghezza..." Probabilmente questo stesso edificio (antico pozzo quadrato, rivestito di opera reticolata) fu notato anche dall'archeologo britannico Tommaso Ashby, che lo indica come una delle sette aperture prodottesi nella volta di un cunicolo, tagliato attraverso il tufo nell'epoca romana per dare scolo alle acque di una valle, le quali uscivano nel Tevere a circa m.700 a sud della stazione ferrroviaria di Settebagni. Da queste sette aperture trarrebbe origine il nome della tenuta. Sempre a proposito della denominazione, Lorenzo e Stefania Quilici, nel volume "Crustumerium" del quale sono autori, riferiscono che lo studioso E. Martinori ("Via Salaria", Roma 1931) "attribuisce l'origine del toponimo di Sette Bagni a Septem pagi", osservando inoltre: "Il numero Sette ricordato dal toponimo nan ha di necessita relazione con fatti reali, essendo un numero di origine magica e di per se avente un valore concettualmente generico (cfr. nel territorio romano nomi come quelli di Settebassi, Settecamini, Settefrati, Settevene...)".
Il casale e la tenuta passarono spesso, sebbene parzialmente, da un proprietario all'altro. Tra i vari nomi troviamo quelli di Cecco fu Nicolò del rione Pigna nel 1371, di Poncello fu Masciolo Marchegiani (1427), Giovanni e Giacomo Marchegiani (1430), Nicolò de Bondiis (1458), Jacopo dc Militibus de Cavalieri (1465), Ospedale S.Spirito (1467), Evangelista De Rubeis (1492), Giovanni Domenico De Cupis (1557), Capitolo la Eeranense (1579), Gioacchino Diotallevi (1790), Giuseppe Vaccari (1803), Leopoldo Torlonia (inizio del '900).
* * *

Negli immediati dintorni di Settebagni, uno dei luoghi storicamente più significativi era Crustumerium, una vera e propria città dalle origini antichissime e presso la quale sarebbe avvenuto il leggendario " ratto delle sabine ".
Era situata tra il 16° ed il 18° Km della Salaria, quasi all'altezza dell'attuale raccordo per l'autostrada. Plutarco, storico e moralista greco, definì Crustumerium città sabina, mentre Dionigi d'Alicarnasso, anch'egli storico greco, la definì colonia di Alba, contemporanea della vicina Fidene. Altri scrittori la ritennero ancora più antica: Cassio Emina, analista romano noto nel 146 avanti Cristo, ne assegnò la fondazione ai Siculi; Virgilio l'annoverò tra le cinque grandi città latine che presero le armi contro Enea (le altre furono Antenne, Ardea, Atina e Tivoli); il poeta latino Silio Italico la chiamò "priscum Crustumium", cioò antica Crustumerium.
Come è stato accertato una decina d'anni fà dai citati Lorenzo e Stefania Quilici, Crustumerium possedeva una grande opera di sbarramento a difesa della città, un'opera che si fa risalire ad epoca arcaica, circa VII secolo avanti Cristo. Nei primi anni del IV secolo a.C., nei pressi di Crustumerium si combattè la battaglia dell'allia (antico fiume del Lazio, ora fosso della Marcigliana), rimasta famosa perchè, dopo averla vinta, i Galli guidati da Brenno si aprirono le porte per Roma, con le conseguenza negative ("Guai ai vinti!") che ci racconta la storia. In seguito Crustumerium passò sotto il dominio dei romani, che in varie riprese la conquistarono. Ma la città, come affermò Plinio il vecchio, appariva ormai "spenta". Il territorio circostante (è annotato nell'Enciclopedia popolare illustrata) "era celebre per la sua fecondità, constando il tratto di pianura sulla sponda sinistra del Tevere di pingui ed ubertosi campi, che sembra producessero tanta abbondanza di grano, da far si che in tempi remotissimi i Crustumeri somministrassero provviste a Roma. Anche Virgilio parla di questo territorio come "abbondante di peri le cui frutta distinguevansi dalle altre di simile specie per essere rosse soltanto da un lato" particolarità che tutt'oggi conservano...
Tuttora esistente è la zona della Marcigliana, così chiamata dal "fundus Marcellianus",cioè appartenuta alla famiglia romana dei Marcelli. Anche qui, come pure nelle vicinanze, sono stati rinvenuti numerosi reperti d'epoca romana. Notevoli i resti d'un castello medioevale, poi ricostruito nel XVI o nel XVII secolo.
Poco distante Castel Giubileo, località in contiunua espansione, situata ove era l'antica Fidene; sorse subito dopo il primo Anno Santo del 1300 con parte delle offerte lasciate dai pellegrini e che Papa Bonifacio vi destinò all'acquisto della tenuta.
Secondo altre fonti, invece, la denominazione deriverebbe da un'antica famiglia romana, il cui cognome era appunto Giubileo. Il vecchio castello (gli ultimi avanzi sono da tempo scomparsi) era detto nel passato monte S.Angelo e apparteneva al monastero del Ss. Ciriaco e Nicolò in via Lata. In varie epoche vi abitarono Paolo Orsini e Francesco Cenci, padre quest'ultimo dell'infelice Beatrice. Nel 1417 vi si accamparono i soldati di Braccio da Montone.
* * *

Sulla scomparsa di Fidene, sostituita da Castel Giubileo, si può aggiungere che fu un'illustre città sabina quasi accoccolata su una ripida altura prospicente il Tevere; venne conquistata da Romolo nel 438 avanti Cristo.
Tra le notizie giunte fino a noi, lo spaventoso crollo di un anfiteatro di legno avvenuto ai tempi di Tiberio(14-37), che causò la morte di un gran numero di persone accorse ad ammirare lo spettacolo circense offerto da attori e mimi.
C'è anche da dire che Fidene era la prima stazione della Salaria, cioè il luogo dove i postiglioni sostavano per consentire un breve ristoro a viaggiatori e per effettuare il cambio dei cavalli.
* * *

Due parole, per concludere le note storiche e di curiosità anche sulla Salaria, una delle più antiche strade consolari di Roma: prese tale nome perchè in prevalenza usata dai sabini e dai romani, fin da tempi lontanissimi, per procurarsi il sale sulle rive dell'adriatico.
La strada era quindi molto frequentata e, dopo aver toccato Rieti, Antrodoco ed altri centri, raggiungeva e raggiunge ancora Ascoli Piceno.

_________________

FACEBOOK: http://www.facebook.com/groups/settebagni/
Tornare in alto Andare in basso
http://www.facebook.com/groups/settebagni/
izzietto

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 105
Età : 43
Localizzazione : Settebagni
Data d'iscrizione : 27.05.08

MessaggioTitolo: Re: Un po' di storia e curiosità su Settebagni...   Mar 3 Giu 2008 - 8:36

Bello..grande fausto..me lo stampo! lol!
Tornare in alto Andare in basso
fausto69

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 2488
Età : 48
Localizzazione : Settebagni, Roma
Occupazione/Ozio : Sicurezza
Umore : Sono FAUSTO!!!
Data d'iscrizione : 10.12.07

MessaggioTitolo: Re: Un po' di storia e curiosità su Settebagni...   Mar 3 Giu 2008 - 12:47

izzietto ha scritto:
Bello..grande fausto..me lo stampo! lol!
So che la mitica Mimmina tiene custodito un libro su Settebagni...
Suspect
Cmq sono contento che almeno a qualcuno, i miei sacrifici sono stati d'aiuto...
cheers
Non puoi capire quanto c'ho messo a ricopiare tutto quel testo...
study
Tornare in alto Andare in basso
http://www.facebook.com/groups/settebagni/
izzietto

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 105
Età : 43
Localizzazione : Settebagni
Data d'iscrizione : 27.05.08

MessaggioTitolo: Re: Un po' di storia e curiosità su Settebagni...   Mar 3 Giu 2008 - 13:30

fausto69 ha scritto:
izzietto ha scritto:
Bello..grande fausto..me lo stampo! lol!
So che la mitica Mimmina tiene custodito un libro su Settebagni...
Suspect
Cmq sono contento che almeno a qualcuno, i miei sacrifici sono stati d'aiuto...
cheers
Non puoi capire quanto c'ho messo a ricopiare tutto quel testo...
study

hehe imagino..non erano 2 righe..a me è piaciuto e me lo sono stampato lol!
Tornare in alto Andare in basso
pierluigi60

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 3
Età : 69
Localizzazione : Roma
Data d'iscrizione : 06.06.08

MessaggioTitolo: storia di settebagni   Ven 6 Giu 2008 - 22:21

Nella didascalia della foto del quadro che raffigura il Tevere a Settebagni manca il nome dell'autore. Si tratta di un acquarello eseguito alla fine dell'Ottocento da Ettore Roesler Franz (Roma 11 maggio 1845 - Roma 26 marzo 1907), autore anche della celebre serie di "Roma pittoresca/memorie di un'era che passa", meglio nota nel mondo come "Roma Sparita". La collezione si componeva originariamente di 120 acquarelli (ora 119 perchè uno fu rubato in Germania nel 1966), tutti di proprietà del Comune di Roma che sono tuttora conservati al Museo di Roma in Trastevere. Maggiori notizie sull'artista si possono trovare sul sito www.ettoreroeslerfranz.com.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.lastampa.it
fausto69

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 2488
Età : 48
Localizzazione : Settebagni, Roma
Occupazione/Ozio : Sicurezza
Umore : Sono FAUSTO!!!
Data d'iscrizione : 10.12.07

MessaggioTitolo: Re: Un po' di storia e curiosità su Settebagni...   Sab 7 Giu 2008 - 8:39

pierluigi60 ha scritto:
Nella didascalia della foto del quadro che raffigura il Tevere a Settebagni manca il nome dell'autore. Si tratta di un acquarello eseguito alla fine dell'Ottocento da Ettore Roesler Franz (Roma 11 maggio 1845 - Roma 26 marzo 1907), autore anche della celebre serie di "Roma pittoresca/memorie di un'era che passa", meglio nota nel mondo come "Roma Sparita". La collezione si componeva originariamente di 120 acquarelli (ora 119 perchè uno fu rubato in Germania nel 1966), tutti di proprietà del Comune di Roma che sono tuttora conservati al Museo di Roma in Trastevere. Maggiori notizie sull'artista si possono trovare sul sito www.ettoreroeslerfranz.com.
Per prima cosa BENVENUTO nel nostro forum, soprattutto perchè siamo sempre contenti se ci sono persone più informate di noi pronte a colmare le nostre lacune.
E' sempre bello il confronto quando è costrutttivo.
A parziale discolpa, dico solo che, sotto la didascalia, comunque c'era riportato il link d'origine.
P.S.: ho aggiunto il link del tuo sito tra quelli amici del forum, e sotto il link sopra citato...

spero così d'aver fatto cosa gradita.
:cincin:
Tornare in alto Andare in basso
http://www.facebook.com/groups/settebagni/
pierluigi60

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 3
Età : 69
Localizzazione : Roma
Data d'iscrizione : 06.06.08

MessaggioTitolo: Re: Un po' di storia e curiosità su Settebagni...   Sab 7 Giu 2008 - 11:43

Caro Fausto69,
grazie mille del benvenuto e complimenti vivissimi per il bel forum ricco di notizie e misurato nei toni. Mi ha fatto molto piacere vedervi riportata in apertura la foto dell'unico quadro di mio prozio che raffiguri la zona di Settebagni a fine '800. Ettore Roesler Franz era infatti il fratello di mio bisnonno ed è stato un antesignano dei moderni ambientalisti, lasciandoci delle immagini assolutamente uniche sia della città di Roma sia della campagna circostante, che appaiono oggi completamente trasformate e pressochè irriconoscibili. Per meglio focalizzare i dettagli dei suoi acquarelli l'artista è stato anche uno dei primi pittori in Italia subito dopo la presa di Porta Pia a servirsi del kinegrafo (primordiale macchina fotografica). Ed ha scattato circa un migliaio di stupende foto che pochi anni fa sono state acquistate in blocco dalla Fondazione Alinari di Firenze. Non escludo che alcune di esse riprendano proprio le vicinanze di Settebagni e comunque la zona nei pressi della confluenza dell'Aniene nel Tevere alla fine dell'Ottocento. Se riuscissi a trovarle le invierò molto volentieri.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.lastampa.it
Admin
Admin
Admin
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 1517
Età : 98
Localizzazione : Terra, Europa, Italia, Roma, SETTEBAGNI
Occupazione/Ozio : ADMIN
Data d'iscrizione : 10.12.07

MessaggioTitolo: Re: Un po' di storia e curiosità su Settebagni...   Sab 7 Giu 2008 - 14:35

pierluigi60 ha scritto:
Caro Fausto69,
grazie mille del benvenuto e complimenti vivissimi per il bel forum ricco di notizie e misurato nei toni. Mi ha fatto molto piacere vedervi riportata in apertura la foto dell'unico quadro di mio prozio che raffiguri la zona di Settebagni a fine '800. Ettore Roesler Franz era infatti il fratello di mio bisnonno ed è stato un antesignano dei moderni ambientalisti, lasciandoci delle immagini assolutamente uniche sia della città di Roma sia della campagna circostante, che appaiono oggi completamente trasformate e pressochè irriconoscibili. Per meglio focalizzare i dettagli dei suoi acquarelli l'artista è stato anche uno dei primi pittori in Italia subito dopo la presa di Porta Pia a servirsi del kinegrafo (primordiale macchina fotografica). Ed ha scattato circa un migliaio di stupende foto che pochi anni fa sono state acquistate in blocco dalla Fondazione Alinari di Firenze. Non escludo che alcune di esse riprendano proprio le vicinanze di Settebagni e comunque la zona nei pressi della confluenza dell'Aniene nel Tevere alla fine dell'Ottocento. Se riuscissi a trovarle le invierò molto volentieri.
Grazie per i complimenti...
e di nuovo BENVENUTO tra noi...!!!
Ogni aiuto è sempre ben accetto, grazie grazie grazie.
lol!
Tornare in alto Andare in basso
http://settebagni.forumattivo.com
izzietto

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 105
Età : 43
Localizzazione : Settebagni
Data d'iscrizione : 27.05.08

MessaggioTitolo: Re: Un po' di storia e curiosità su Settebagni...   Mar 10 Giu 2008 - 6:52

Benvenuto anche da parte mia Pierluigi e ..sarebbe veramente bello se riuscissi a trovare le foto di cui parli Very Happy aspettiamo fiduciosi
Tornare in alto Andare in basso
fausto69

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 2488
Età : 48
Localizzazione : Settebagni, Roma
Occupazione/Ozio : Sicurezza
Umore : Sono FAUSTO!!!
Data d'iscrizione : 10.12.07

MessaggioTitolo: Re: Un po' di storia e curiosità su Settebagni...   Mer 10 Set 2008 - 16:41

izzietto ha scritto:
Benvenuto anche da parte mia Pierluigi e ..sarebbe veramente bello se riuscissi a trovare le foto di cui parli Very Happy aspettiamo fiduciosi
quoto che ride quoto che ride quoto che ride

_________________

FACEBOOK: http://www.facebook.com/groups/settebagni/
Tornare in alto Andare in basso
http://www.facebook.com/groups/settebagni/
Admin
Admin
Admin
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 1517
Età : 98
Localizzazione : Terra, Europa, Italia, Roma, SETTEBAGNI
Occupazione/Ozio : ADMIN
Data d'iscrizione : 10.12.07

MessaggioTitolo: Re: Un po' di storia e curiosità su Settebagni...   Sab 18 Ott 2008 - 17:48


_________________


Ultima modifica di Admin il Lun 30 Gen 2012 - 17:37, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
http://settebagni.forumattivo.com
manucca

avatar

Femminile
Numero di messaggi : 308
Età : 44
Localizzazione : SETTEBAGNI
Occupazione/Ozio : Sposata e segretaria
Umore : serena
Data d'iscrizione : 10.12.07

MessaggioTitolo: Re: Un po' di storia e curiosità su Settebagni...   Ven 7 Nov 2008 - 20:17

Admin ha scritto:
Tornare in alto Andare in basso
http://www.virgilio.it
fausto69

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 2488
Età : 48
Localizzazione : Settebagni, Roma
Occupazione/Ozio : Sicurezza
Umore : Sono FAUSTO!!!
Data d'iscrizione : 10.12.07

MessaggioTitolo: Re: Un po' di storia e curiosità su Settebagni...   Lun 5 Gen 2009 - 21:37

fausto69 ha scritto:
Leggendo il libricino dei festeggaimenti vedo che c'è anche un po' di storia di Settebagni...
Ho deciso di copiarlo e di trascriverlo... Spero che apprezzerete il mio sacrificio...
study


SETTEBAGNI (SEPTEM BALNEA)

Settebagni, la località situata al 14°Km della via Salaria, fa parte di quello che fino agli anni Tranta circa era chiamato agro romano o, se preferite, campagna romana.
Oggi la zona e radicalmente e profondamente mutata; da antico e laborioso centro di coloni, agricoltori e pastori, è divenuta una delle tante appendici ultraperiferiche della città con i suoi molti problemi che attendono di essere risolti: casa, strade, servizi pubblici e via dicendo.
Punto di riferimento è dal 1936, allorchè fu eretta canonicamente e materialmente, la chiesa parrocchiale intitolata a S.Antonio da Padova, che da allora è venerato come patrono della borgata. In suo onore, infatti, si svolgono ogni anno solenni celebrazioni e festose manifestazioni che coinvolgono tutti gli abitanti, offrendo loro l'occasione di confermare non solo la devozione verso il popolarissimo Santo, ma anche la propria fede cattolica.
* * *

Sebbene vanti origini antichissime, il singolare nome di Settebagni fu il pretesto, in un recente passato, per una battuta di spirito. Esclamavano dunque in leggero dialetto i vecchi romani d'una volta: "Se... te... bagni..., poi t'asciughi!", aggiungendo espressioni scherzose nei confronti sia della zona che dei residenti in essa, i quali venivano chiamati "sette...bagnini". Scherzi a parte, Settebagni, come s'è detto, era compresa nella campagna romana, la vasta distesa di verde che circondava la città "for de porta" e che indusse studiosi e ricercatori romani come Rodolfo Lanciani(1848-1929) e Giuseppe Tomassetti(1849-1911) ad illustrare non solo la viva suggestione che da essa emanava, ma anche le sue località, le sue ville ed i suoi monumenti. Plinio il vecchio, celebre scrittore latino vissuto nel I secolo dopo Cristo, affermò che "le case sparse nei dintorni di Roma sembrano aggiungerle molte città". Ed Elio Aristide, retore ed oratore della Misia in Asia Minore, vissuto nel II secolo, riferendosi a Roma scrisse che "in qualunque parte della città si fosse messo l'osservatore, avrebbe sempre creduto essere nel centro, tanta essendo la frequenza delle abitazioni per tutta la campagna, che sembrava la città comprendere tutto il rimanente Lazio fino al mare".
* * *

Questo quadro invero idilliaco fu presto sconvolto nei secoli successivi dalle invasioni barbariche e dalle lotte intestine provocate, specialmente nel medio-evo, dalla prepotenza di duchi e baroni, i "signorotti" dell'epoca, che guerreggiavano attorno ai castelli e ad altri fortificati per imporsi l'uno all'altro.
Ecco quanto su questa particolare situazione osservò l'archeologo e studioso di cose romane Francesco Sabatini(1852-1928), avo di chi scrive, nella "Enciclopedia popolare illustrata", da lui pubblicata in fascicoli settimanali nel lontano 1886: "Cessò ogni coltura, dopodichè i grandi proprietari, tanto ecclesiastici quanto laici, procurarono d'allora in poi di ricavare dalla terra il più che per loro potevasi colla pastrorizia per aumentare il prodotto delle terre senza consacrarvi alcun capitale, ne più curandosi di richiamare una parte di popolazione agricola su quelle campagne. In tal modo alle passate devastazioni si aggiunsero i danni del prolungato abbandono di ogni coltura e di ogni cura dei campi, e molti secoli scorsero senza che alcun tentativo venisse fatto per prosciugare i luoghi paludosi e dare un regolare corso alle acque che sempre più s'impaludavano per l'abbandono di ogni direzione e custodia...".
Dopo parecchio tempo, la campagna attorno a Roma riprese ad animarsi, ma con molta lentezza e tra numerose difficoltà. Vennero tuttavia giorni migliori in cui l'uomo volle e seppe tornare all'antico e nobile lavoro della terra. Si procedette anche alla bonifica di ampie zone e ogni cosa sembrava avviarsi verso un normale sviluppo.
A rovinare ed annullare tutti i traguardi raggiunti ed i buoni propositi, ci penso la guerra, specialmente quella del 1940-45, e soprattutto ci pensò il dopo-guerra con i suoi tanti problemi di sopravvivenza. Mano a mano (e questo fu un fenomeno che si estese un po' dovunque) il lavoro agricolo, già in parte trascurato, fu abbandonato del tutto e la già verde campagna romana cominciò in sua vece a popolarsi di costruzioni tirate sù alla meglio e poi perfezionate in seguito, fino a costruire in vari casi dei veri e propri agglomerati di case, una serie di quasi-quartieri alle porte della città.
Settebagni subì la stessa sorte e dovette giocoforza assoggetarsi ad una espansione esagerata, disordinata e, purtroppo, avvilita dalla mancanza dei servizi pubblici essenziali.
Una situazione, questa, che in parte dura nonostante la zona vada popolandosi sempre di più e senta quindi impellente la necessità di disporre dei mezzi che il processo ha messo e mette a disposizione dell'uomo per un vivere civile.
* * *

Il nome di "Settebagni" o, meglio, di "Septem Balnea" appare per la prima volta in un atto del 3 dicembre 1297 riguardante il casale e la tenuta della zona, a proposito dei confii di Castel Giubileo.
Altri documenti di poco posteriori e relativi alle proprietà appartenenti nella zona allo scomparso monastero dei SS. Ciriaco e Nicolò in via Lata (era situato nell'odierna piazza del Collegio Romano) citano i toponimi "ad septem bangos" e "ad septem vangora".
Un leggero cambiamento a quest'ultima denominazione si ebbe a partire dal 1427 quando il casale è ricordato con l'appellativo "Septem Vagnara" ed infine dal '500 in poi quello di " Septem Balneorum".
Il già ricordato Giuseppe Tomassetti affermò da parte sua che il nome Settebagni "deriva evidentemente da antiche rovine probabilmente di una piscina o conserva d'acqua". Riferì inoltre di aver venduto nel 1891, presso il 14°Km della ferrovia, un fabbricato o un fondamento di opera a sacco di antico edificio, addossato alla rupe.
E' detto in una nota esplicativa: "Di qui egli ascese la collina su cui la tenuta di Settebagni. In essa verso il casale moderno (nel qual non trovò che una base marmoreo di pilastro incastrata in un muro moderno), egli scorse una bellissima grotta o bagno sotterraneo, con lucernario quadrato. Quantunque fosse ingombra di terra, egli vi entrò e vi ammirò un arco a tutto sesto di opera quadrata in pietra fidenata e due grossi pilastri di buon laterizio con intonaco di stucco. All'esterno, la parte dell'edificio scampata alla distruzione misurava m.16 di lunghezza..." Probabilmente questo stesso edificio (antico pozzo quadrato, rivestito di opera reticolata) fu notato anche dall'archeologo britannico Tommaso Ashby, che lo indica come una delle sette aperture prodottesi nella volta di un cunicolo, tagliato attraverso il tufo nell'epoca romana per dare scolo alle acque di una valle, le quali uscivano nel Tevere a circa m.700 a sud della stazione ferrroviaria di Settebagni. Da queste sette aperture trarrebbe origine il nome della tenuta. Sempre a proposito della denominazione, Lorenzo e Stefania Quilici, nel volume "Crustumerium" del quale sono autori, riferiscono che lo studioso E. Martinori ("Via Salaria", Roma 1931) "attribuisce l'origine del toponimo di Sette Bagni a Septem pagi", osservando inoltre: "Il numero Sette ricordato dal toponimo nan ha di necessita relazione con fatti reali, essendo un numero di origine magica e di per se avente un valore concettualmente generico (cfr. nel territorio romano nomi come quelli di Settebassi, Settecamini, Settefrati, Settevene...)".
Il casale e la tenuta passarono spesso, sebbene parzialmente, da un proprietario all'altro. Tra i vari nomi troviamo quelli di Cecco fu Nicolò del rione Pigna nel 1371, di Poncello fu Masciolo Marchegiani (1427), Giovanni e Giacomo Marchegiani (1430), Nicolò de Bondiis (1458), Jacopo dc Militibus de Cavalieri (1465), Ospedale S.Spirito (1467), Evangelista De Rubeis (1492), Giovanni Domenico De Cupis (1557), Capitolo la Eeranense (1579), Gioacchino Diotallevi (1790), Giuseppe Vaccari (1803), Leopoldo Torlonia (inizio del '900).
* * *

Negli immediati dintorni di Settebagni, uno dei luoghi storicamente più significativi era Crustumerium, una vera e propria città dalle origini antichissime e presso la quale sarebbe avvenuto il leggendario " ratto delle sabine ".
Era situata tra il 16° ed il 18° Km della Salaria, quasi all'altezza dell'attuale raccordo per l'autostrada. Plutarco, storico e moralista greco, definì Crustumerium città sabina, mentre Dionigi d'Alicarnasso, anch'egli storico greco, la definì colonia di Alba, contemporanea della vicina Fidene. Altri scrittori la ritennero ancora più antica: Cassio Emina, analista romano noto nel 146 avanti Cristo, ne assegnò la fondazione ai Siculi; Virgilio l'annoverò tra le cinque grandi città latine che presero le armi contro Enea (le altre furono Antenne, Ardea, Atina e Tivoli); il poeta latino Silio Italico la chiamò "priscum Crustumium", cioò antica Crustumerium.
Come è stato accertato una decina d'anni fà dai citati Lorenzo e Stefania Quilici, Crustumerium possedeva una grande opera di sbarramento a difesa della città, un'opera che si fa risalire ad epoca arcaica, circa VII secolo avanti Cristo. Nei primi anni del IV secolo a.C., nei pressi di Crustumerium si combattè la battaglia dell'allia (antico fiume del Lazio, ora fosso della Marcigliana), rimasta famosa perchè, dopo averla vinta, i Galli guidati da Brenno si aprirono le porte per Roma, con le conseguenza negative ("Guai ai vinti!") che ci racconta la storia. In seguito Crustumerium passò sotto il dominio dei romani, che in varie riprese la conquistarono. Ma la città, come affermò Plinio il vecchio, appariva ormai "spenta". Il territorio circostante (è annotato nell'Enciclopedia popolare illustrata) "era celebre per la sua fecondità, constando il tratto di pianura sulla sponda sinistra del Tevere di pingui ed ubertosi campi, che sembra producessero tanta abbondanza di grano, da far si che in tempi remotissimi i Crustumeri somministrassero provviste a Roma. Anche Virgilio parla di questo territorio come "abbondante di peri le cui frutta distinguevansi dalle altre di simile specie per essere rosse soltanto da un lato" particolarità che tutt'oggi conservano...
Tuttora esistente è la zona della Marcigliana, così chiamata dal "fundus Marcellianus",cioè appartenuta alla famiglia romana dei Marcelli. Anche qui, come pure nelle vicinanze, sono stati rinvenuti numerosi reperti d'epoca romana. Notevoli i resti d'un castello medioevale, poi ricostruito nel XVI o nel XVII secolo.
Poco distante Castel Giubileo, località in contiunua espansione, situata ove era l'antica Fidene; sorse subito dopo il primo Anno Santo del 1300 con parte delle offerte lasciate dai pellegrini e che Papa Bonifacio vi destinò all'acquisto della tenuta.
Secondo altre fonti, invece, la denominazione deriverebbe da un'antica famiglia romana, il cui cognome era appunto Giubileo. Il vecchio castello (gli ultimi avanzi sono da tempo scomparsi) era detto nel passato monte S.Angelo e apparteneva al monastero del Ss. Ciriaco e Nicolò in via Lata. In varie epoche vi abitarono Paolo Orsini e Francesco Cenci, padre quest'ultimo dell'infelice Beatrice. Nel 1417 vi si accamparono i soldati di Braccio da Montone.
* * *

Sulla scomparsa di Fidene, sostituita da Castel Giubileo, si può aggiungere che fu un'illustre città sabina quasi accoccolata su una ripida altura prospicente il Tevere; venne conquistata da Romolo nel 438 avanti Cristo.
Tra le notizie giunte fino a noi, lo spaventoso crollo di un anfiteatro di legno avvenuto ai tempi di Tiberio(14-37), che causò la morte di un gran numero di persone accorse ad ammirare lo spettacolo circense offerto da attori e mimi.
C'è anche da dire che Fidene era la prima stazione della Salaria, cioè il luogo dove i postiglioni sostavano per consentire un breve ristoro a viaggiatori e per effettuare il cambio dei cavalli.
* * *

Due parole, per concludere le note storiche e di curiosità anche sulla Salaria, una delle più antiche strade consolari di Roma: prese tale nome perchè in prevalenza usata dai sabini e dai romani, fin da tempi lontanissimi, per procurarsi il sale sulle rive dell'adriatico.
La strada era quindi molto frequentata e, dopo aver toccato Rieti, Antrodoco ed altri centri, raggiungeva e raggiunge ancora Ascoli Piceno.
Numero sette


Il numero sette è il numero mitico di Roma, considerato magico perchè presente in molti aspetti e fenomeni della natura e della vita di Roma. Infatti sette erano:
- i pianeti e le stelle dell’Orsa e le Pleiadi;
- i colli su cui è sorta Roma;
- i magistrati (septemviri) incaricati di dividere e distribuire le terre;
- i sacerdoti (epulones) preposti al sacrificio in onore di Giove;
- le coorti dei vigiles , gli antichi vigili del fuoco;
- i re di Roma;
Anche nella Roma cristiana ricorre il numero magico; infatti sono emblematiche le Sette Chiese: San Pietro, San Paolo, San Giovanni, Santa Maria Maggiore, San Sebastiano, Santa Croce in Gerusalemme e San Lorenzo fuori le Mura.
Alcune località vicino Roma citano questo numero:

SETTEBAGNI sulla Salaria, Settecamini sulla Tiburtina, Settevene sulla Cassia, Settebassi vicino Cinecittà.

_________________

FACEBOOK: http://www.facebook.com/groups/settebagni/
Tornare in alto Andare in basso
http://www.facebook.com/groups/settebagni/
ginetto

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 262
Localizzazione : SETTEBAGNI
Umore : Lasciamo stare...
Data d'iscrizione : 08.05.08

MessaggioTitolo: Re: Un po' di storia e curiosità su Settebagni...   Mar 6 Gen 2009 - 13:12

Il sette, caro Fausto, e' un numero che ricorre in svariate culture; ad esempio
il candelabro a sette bracci degli ebrei, i sette peccati capitali o se vogliamo andare piu' sul frivolo ci sarebbero i vecchi film "Sette spose per sette fratelli", "I sette samurai" con la sua versione western "I magnifici sette", "Biancaneve e i
sette nani"...
vabbuo', anche oggi ho rotto abbastanza.
Ciao
Tornare in alto Andare in basso
http://www.lavocedelmunicipio.it/
laratriv

avatar

Femminile
Numero di messaggi : 395
Età : 35
Localizzazione : Settebagni
Occupazione/Ozio : la filosofia
Umore : sempre ottimista
Data d'iscrizione : 22.01.09

MessaggioTitolo: Re: Un po' di storia e curiosità su Settebagni...   Sab 24 Gen 2009 - 21:30

http://it.wikipedia.org/wiki/Settebagni

le notizie di settebagni sono molto scarse...

chi sa di più potrebbe inserire qualcosa...

Lara :flag_italy:
Tornare in alto Andare in basso
http://dimensionezero.forumfree.net/
fausto69

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 2488
Età : 48
Localizzazione : Settebagni, Roma
Occupazione/Ozio : Sicurezza
Umore : Sono FAUSTO!!!
Data d'iscrizione : 10.12.07

MessaggioTitolo: Re: Un po' di storia e curiosità su Settebagni...   Lun 26 Gen 2009 - 18:58

laratriv ha scritto:
http://it.wikipedia.org/wiki/Settebagni

le notizie di settebagni sono molto scarse...

chi sa di più potrebbe inserire qualcosa...

Lara :flag_italy:
veramente io,tempo fa,provai ad inserire qualche info in più ma poi me le hanno cancellate...
Suspect

_________________

FACEBOOK: http://www.facebook.com/groups/settebagni/
Tornare in alto Andare in basso
http://www.facebook.com/groups/settebagni/
laratriv

avatar

Femminile
Numero di messaggi : 395
Età : 35
Localizzazione : Settebagni
Occupazione/Ozio : la filosofia
Umore : sempre ottimista
Data d'iscrizione : 22.01.09

MessaggioTitolo: Re: Un po' di storia e curiosità su Settebagni...   Lun 26 Gen 2009 - 20:45

fausto69 ha scritto:
laratriv ha scritto:
http://it.wikipedia.org/wiki/Settebagni

le notizie di settebagni sono molto scarse...

chi sa di più potrebbe inserire qualcosa...

Lara :flag_italy:
veramente io,tempo fa,provai ad inserire qualche info in più ma poi me le hanno cancellate...
Suspect


ahhh..non so come funziona wikipedia... dovranno pur controllare se le notizie sono precise, ma una volta appurato questo perchè non le accettono? Question Exclamation Question Exclamation

_________________
dimmi che può ancora vincere... chi ha il coraggio delle idee...
Tornare in alto Andare in basso
http://dimensionezero.forumfree.net/
fausto69

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 2488
Età : 48
Localizzazione : Settebagni, Roma
Occupazione/Ozio : Sicurezza
Umore : Sono FAUSTO!!!
Data d'iscrizione : 10.12.07

MessaggioTitolo: Re: Un po' di storia e curiosità su Settebagni...   Dom 1 Feb 2009 - 9:40

Grazie al contributo di Lara (davvero un'ottimo acquisto per il forum... Very Happy ), abbiamo trovato, girovagando su internet, una vecchia foto che ritrae degli aviatori che si trovavano a Settebagni...
Ci domandavamo se qualcuno di noi (magari domandando ai genitori o ai nonni) sappia qualcosa di più,
Dove si trovava questa pista? Era forse l'areoporto dell'Urbe? Chi erano questi piloti?...
Shocked
Forza gente, facciamo un po' di ricerche!!!
study
Ecco la foto:



aviatori settebagni (1935)
Fonte: http://www.casertamusica.com/rubriche/cultura/2007/070425_25_aprile.asp

_________________

FACEBOOK: http://www.facebook.com/groups/settebagni/


Ultima modifica di fausto69 il Lun 1 Dic 2014 - 13:31, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
http://www.facebook.com/groups/settebagni/
massimo

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 271
Età : 52
Localizzazione : Settebagni
Occupazione/Ozio : impiegato
Umore : giusto
Data d'iscrizione : 15.10.08

MessaggioTitolo: Re: Un po' di storia e curiosità su Settebagni...   Dom 1 Feb 2009 - 10:05

fausto69 ha scritto:
Grazie al contributo di Lara (davvero un'ottimo acquisto per il forum... Very Happy ), abbiamo trovato, girovagando su internet, una vecchia foto che ritrae degli aviatori che si trovavano a Settebagni...
Ci domandavamo se qualcuno di noi (magari domandando ai genitori o ai nonni) sappia qualcosa di più,
Dove si trovava questa pista? Era forse l'areoporto dell'Urbe? Chi erano questi piloti?...
Shocked
Forza gente, facciamo un po' di ricerche!!!
study
Ecco la foto:



aviatori settebagni (1935)
Fonte: http://www.casertamusica.com/rubriche/cultura/2007/070425_25_aprile.asp
Ciao a Tutti , io sapevo per racconti dei miei nonni che durante la guerra un campo di aviazione era situato davanti al bar di Silvestrini fino all'attuale campo di calcio della polizia (ora campo Angelucci), e la strada che passa davanti alle scuole , via dello Scalo , viene chiamanta anche popolarmente strada del carburante perche' a quei tempi appunto c'erano dei serbatoi di gasolio per rifornire gli aerei....

Massimo
Tornare in alto Andare in basso
http://storiedikatia.blogspot.com/
fausto69

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 2488
Età : 48
Localizzazione : Settebagni, Roma
Occupazione/Ozio : Sicurezza
Umore : Sono FAUSTO!!!
Data d'iscrizione : 10.12.07

MessaggioTitolo: Re: Un po' di storia e curiosità su Settebagni...   Dom 1 Feb 2009 - 10:53

massimo ha scritto:
fausto69 ha scritto:
Grazie al contributo di Lara (davvero un'ottimo acquisto per il forum... Very Happy ), abbiamo trovato, girovagando su internet, una vecchia foto che ritrae degli aviatori che si trovavano a Settebagni...
Ci domandavamo se qualcuno di noi (magari domandando ai genitori o ai nonni) sappia qualcosa di più,
Dove si trovava questa pista? Era forse l'areoporto dell'Urbe? Chi erano questi piloti?...
Shocked
Forza gente, facciamo un po' di ricerche!!!
study
Ecco la foto:



aviatori settebagni (1935)
Fonte: http://www.casertamusica.com/rubriche/cultura/2007/070425_25_aprile.asp
Ciao a Tutti , io sapevo per racconti dei miei nonni che durante la guerra un campo di aviazione era situato davanti al bar di Silvestrini fino all'attuale campo di calcio della polizia (ora campo Angelucci), e la strada che passa davanti alle scuole , via dello Scalo , viene chiamanta anche popolarmente strada del carburante perche' a quei tempi appunto c'erano dei serbaoi di gasolio per rifornire gli aerei....

Massimo
Grazie Massimo per l'info... praticamente ci abitavo sopra!!!
:flag_italy:
Nessun'altro sa qualcosa?
Suspect

_________________

FACEBOOK: http://www.facebook.com/groups/settebagni/
Tornare in alto Andare in basso
http://www.facebook.com/groups/settebagni/
settebagnese

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 378
Età : 88
Localizzazione : SETTEBAGNI
Data d'iscrizione : 14.12.08

MessaggioTitolo: Re: Un po' di storia e curiosità su Settebagni...   Dom 1 Feb 2009 - 18:42

Interessante 'sto topic
What a Face
Tornare in alto Andare in basso
http://www.ferrovie.it/forum/index.php
laratriv

avatar

Femminile
Numero di messaggi : 395
Età : 35
Localizzazione : Settebagni
Occupazione/Ozio : la filosofia
Umore : sempre ottimista
Data d'iscrizione : 22.01.09

MessaggioTitolo: Re: Un po' di storia e curiosità su Settebagni...   Dom 1 Feb 2009 - 22:32

Forse l'autore di quell'articolo, Lorenzo di Donato saprà qualcosa, chissà...

anche se sembra campano, avrà fatto il servizio militare a settebagni...

_________________
dimmi che può ancora vincere... chi ha il coraggio delle idee...
Tornare in alto Andare in basso
http://dimensionezero.forumfree.net/
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Un po' di storia e curiosità su Settebagni...   

Tornare in alto Andare in basso
 
Un po' di storia e curiosità su Settebagni...
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 3Andare alla pagina : 1, 2, 3  Seguente
 Argomenti simili
-
» storia dell'ateismo
» vi racconto una storia ...
» la storia di Gesù è vera o no?
» I migliori album della storia del rock
» storia e usi del crocifisso da parte dei cristiani

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
www.settebagni.forumattivo.com :: Benvenuti al forum di Settebagni :: Storia eventi e problematiche di 7Bagni-
Andare verso: